Scrittura notturna — Mónica Ortelli

.


Sai che
non devi disturbarla, che è meglio cantarle ninne nanne. Tuttavia, di tanto in tanto affiora una pulsione e, anche se tenti, non riesci a trattenerti. In quelle occasioni, invece di dire: Ciao, come stai? Sei tu la mia Medusa?”, ti convinci che qualcuno ha usurpato la tua testa e che il buio e l’oscuro e il tenebroso che hai plasmato non ti appartengono.
— È qui che appaio io?
Esattamente, personaggio. Esattamente
.


Mónica Ortelli (Argentina), Escritura nocturna

(Tradotto da Ni vara ni cuchillo)

Nessun commento:

Posta un commento